Gülen, un innamorato del Profeta

IMG_1385Prof.  Dr. Francesco Zannini, personaggio noto con le sue ricerche sull’Islam in Italia, ha descritto Fethullah Gulen  come “un innamorato del profeta”.

Alla conferenza presso l’Università di Torino Prof. Zannini ha espresso le sue idee su Fethullah Gulen: l’ambiente in cui Gulen è nato ed ha analizzato la realtà della società essendo fedele ai legami religiosi, non significherebbe che si dovrebbe rimarrebbe indietro con i cambiamenti moderni delle società.  Zannini ha sottolineato che grazie a questa visione di Gulen  vengono aperte le scuole e questa si nota nelle scuole create.

Zannini ha specificato inoltre che l’Islam non è una religione che ha paura di parlare e scambiare le opinioni e ha espresso: “Già l’essenza dell’Islam è il dialogo e capirsi in modo reciproco.”  Professore ha sottolineato in Gulen l’esempio della possibilità di vivere nella società moderna  da “insan-i kamil” ovvero “un vero uomo” come accadeva nei tempi di Profeta e dei suoi Compagni.

In Turchia alcuni gruppi accusano Gulen di creare delle innovazioni nella religione e modificare l’essenza della religione musulmana.  Contro questa critica, Zannini ha espresso di aver notato l’opposto di queste tesi in tutti i libri letti da parte sua.  Professore Zannini ha riferito inoltre che Gülen è un personaggio, il quale vive  una buona vita religiosa e acconto a questo esprime la necessità di una vita dove c’è l’esistenza di diverse culture e religioni che creano una forza unica in un ambiente pacifica.

Professore Francesco Zannini insegna  Lingua e Cultura Araba presso PISAI, Pontificio Istituto di Studi Arabi e D’Islamistica. Zannini per molti anni ha compiuto delle ricerche sull’Islam in Bangladesh in Egitto e dal mese di aprile sta realizzando un completo lavoro accademico sul movimento Gulen.

Uno dei relatori della conferenza, prof. Paolo Branca, docente di Lingua e Cultura Araba presso Università Cattolica di Milano, ha raccontato le sue esperienze con l’Associazione Interculturale Alba, come ha conosciuto l’associazione per la prima volta e le organizzazioni fatte insieme a Associazione Interculturale Alba.

Prof. Branca ha ringraziato ai membri di Alba per la loro presenza sul territorio lombardo, ligure e piemontese. Ha sottolineato la sua volontà da circa 30 anni di poter creare dei ponti tra le culture ma , afferma Branca, questa volontà è stata colmata da turchi, minoranze delle minoranze, dall’Associazione Interculturale Alba, laddove lui nemmeno si aspettava.

Organizzatore  del programma il presidente  dell’Associazione Interculturale Alba, Dott. M. Fatih Camlica,  ha espresso le sue idee su Fethullah Gulen enunciando che  Fethullah Gülen colloca al centro della terra la persona,  prima di tutto deve essere dimostrato affetto e rispetto perché è un essere umano e tutto questo avviene attraverso  il dialogo.

Circa 130 persone hanno partecipato alla conferenza  e al termine del programma si è reso noto i libri tradotti di Fethullah Gulen. A seguire era Ashure, noto anche il budino di Noe, che è servito all’uscita del programma agli invitati della conferenza.

Cihan

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: