Natale e le conseguenze tra i concittadini

OLYMPUS DIGITAL CAMERAIl giorno 19 dicembre 2012 l’Associazione Interculturale Alba nella sede di Como ha ospitato don Giusto della Valle, il prete della parrocchia di Rebbio,un quartiere di Como.

Il tema della serata era particolarmente importante per il periodo in cui stiamo vivendo: “Natale e le conseguenze tra i concittadini”.

Il prete di Rebbio don Giusto Della Valle ha iniziato alle sue ringraziando all’Associazione Interculturale Alba per le organizzazioni precedentemente svolte come cena di gala, conferenza su Maria nella religione islamica ecc.

Don Giusto ha evidenziato l’importanza di Natale a livello mondiale. Rimanendo tanti anni in Camerun, don Giusto ha sottolineato il senso di Natale, un momento di felicità e con tutta la povertà del continente africano, Natale è ed è stato sempre un momento di riunione e condivisione dei sentimenti.

Il relatore ha sottolineato che prima di Natale ci sarebbe un momento di preparazione, tempo di attesa per il grande giorno attraverso il digiuno, la penitenza e la conversione. Don Giusto ha espresso : “Tutti noi abbiamo delle aspettative diverse dalla vita e quando uno sta bene a livello di benessere non pensa il suo prossimo” e sul tempo di attesa e sulle aspettative don Giusto ha citato l’articolo del teologo e giornalista di Abdullah Aymaz “La crisi non è economica, neanche ecologica ma il problema fondamentale è quello egologico e per distruggere le nostra resistenza occorre agire con un amore più intenso e con la compassione”.

Don Giusto basandosi sui testi sacri ha espresso che della nascita di Gesù Cristo si parla nei  Vangeli di Luca e Matteo. Altri due iniziano a narrare la storia della vita di Cristo dalla sua infanzia, particolarmente dal suo battesimo. Per questa ragione per alcuni cristiani il Natale vero proprio dovrebbe essere il giorno di battesimo di Gesù Cristo.

Il prete di Rebbio dopo aver descritto brevemente la nascita del Profeta, ha  ribadito il senso di Natale e ha pronunciato le seguenti frase “ Natale è un momento di dialogo tra Dio e uomo. Si ha un Dio che si avvicina al creato. “ “E’ un incontro tra Dio e uomo nel cuore della persona stessa, ma se l’uomo non ha lo spazio nel suo cuore per il Creatore, il ghiaccio del cuore non si può sciogliere”.

Circa le conseguenze di questo giorno importante  sottolinea don Giusto che il Natale dovrebbe essere un momento di incontro tra le persone, tra le rappresentanti delle diverse religioni nel pieno rispetto reciproco.  Possono costituire dei ponti di dialogo tra le persone e le religioni libere, sfruttando un momento che si potrebbe utilizzare a creare la pace nei nostri dintorni.

Il  dottore D’Urso, uno dei partecipanti, ha evidenziato l’importanza di questi incontri che permettono a tutti di conoscere la realtà in tutti i sensi, e ha espresso che questi incontri devono aumentare in modo che tutti abbaiano una conoscenza almeno sufficiente sugli argomenti che ci stanno a cuore.

Dopo il momento di domande-risposte, la serata è proseguita con gli assaggi, dolci e salati, del mondo culinario turco, il quale ha catturato l’attenzione di tutti i partecipanti.  La prorettrice del Politecnico di Milano nella sede di Como, Anna Brovelli,  e i partecipanti alla serata hanno chiesto delle informazioni sul corso della cucina turca e hanno dato la loro disponibilità per la partecipazione.

Ringraziamo tanto a don Giusto della Valle e i partecipanti per aver partecipato alla serata.

This slideshow requires JavaScript.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: